1 / “Il giorno in cui Cattivirus finì ko”: la storia da leggere e ri-creare a casa (1a puntata)

Cattivirus
Disegno di Eleonora Moretti – | © Funtasy Editrice

IL GIORNO IN CUI CATTIVIRUS FINI’ KO

Testo di Roberto Alborghetti – Illustrazioni di Eleonora Moretti

PRIMA PUNTATA

Scrok! Scrok! Scrok! Mi sto proprio divertendo un sacco! Anche oggi sono stato qui e poi là e poi anche qua e pure lì. Scrok! È facilissimo per me saltare un po’ ovunque, su tutto e su tutti. Sono leggerissimo. Sono piccolissimo. Sono “minuscolissimo”, ma so che questa parola non esiste e dunque non andrebbe usata. Questo solo per dire che nessuno mi può vedere. Nemmeno con una lente di ingrandimento! Ci vuole infatti il microscopio!

Sono talmente invisibile che posso andare e stare in ogni posto e in ogni luogo. E addosso alle persone. Scrok! Scrok!  Sì, mi piace stare soprattutto addosso alle persone, agli umani. E siccome non mi vedono, a volte loro pensano di dormire sonni tranquilli. Ma io non sarei così sicuro se fossi in loro. Dunque, eccomi qui. Vivo e vegeto.

Mi chiamano virus. Un nome un po’ strano. Sì, è una parola latina, la lingua dei popoli che tanti tanti anni fa abitavano l’Italia. Il suo significato? È presto detto: vuol dire “veleno”.  E se conosciamo bene questa parola, dovremmo davvero preoccuparci un po’. Provate a chiederlo anche ai vostri genitori e alla vostra maestra. “Veleno” è qualcosa che non fa assolutamente bene. Anzi, fa male. Malissimo. Scrok! Scrok! Il veleno è qualcosa che fa molto danno. Io mi diverto a fare proprio questo. Almeno per ora. Almeno fino a quando gli umani me lo lasceranno fare. Scrok!

E ORA LAVORIAMO INSIEME!

PRENDI UN FOGLIO DA DISEGNO, PASTELLI E PENNARELLI, E COMINCIAMO A DIVERTIRCI. COME TE LO IMMAGINI IL VIRUS? DI CHE COLORE? DI QUALE FORMA? PROVA A DISEGNARLO. SE LO VOGLIAMO SCONFIGGERE, PRIMA DOBBIAMO CONOSCERLO BENE.

1 – Continua –  © Funtasy Editrice

La copertina di AlbumOne – Per info: funtasyeditrice@gmail.com

Da oggi i siti web di Funtasy editrice, Okay! e Social o dis-social? – e anche la  pagina “Noi siamo Okay!” su Facebook – propongono na iniziativa dedicata alla scuola, ai docenti e ai ragazzi, a casa da scuola. Verrà proposta, in una serie di puntate, una storia incentrata sul problema di questi giorni: l’emergenza coronavirus.

L’iniziativa è presentata nell’ambito della collana editoriale di “AlbumOne / Storie giallorossoblu”, l’innovativo progetto di Funtasy editrice che già tante scuole italiane hanno apprezzato, facendolo proprio. La storia – scritta da Roberto Alborghetti, con i disegni di Eleonora Moretti – ha come titolo: “Il giorno in cui Cattivirus finì ko”.

Il materiale è messo a disposizione in anteprima dei docenti e degli stessi ragazzi. Potrà essere facilmente condiviso anche attraverso i social, in modo che gli alunni possano essere raggiunti anche grazie alla collaborazione dei genitori. Ogni storia, come è nello stile di AlbumOne, proporrà anche attività concrete, che potranno coinvolgere gli alunni in modo attivo ed inter-attivo. La storia avrà poi una edizione cartacea, che sarà disponibile su fascicolo. Una storia per battere il virus! Una storia per imparare ad essere cittadini responsabili!    #stopcattivirus

E se i vostri ragazzi realizzeranno disegni, li pubblicheremo on line, in modo che siano visiili a tutti. I disegni vanno inviati in formato jpg, o come semplice fotografia, a funtasyeditrice@gmail.com

 

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...