7 / “Il giorno in cui Cattivirus finì ko”: la storia da leggere e ri-creare a casa (7a puntata)

Cattivirus

IL GIORNO IN CUI CATTIVIRUS FINÌ KO

Testo di Roberto Alborghetti – Illustrazioni di Eleonora Moretti

7a PUNTATA

Win! Win! Win! Noi Anticorpi stiamo lottando, con grande impegno. La nostra battaglia contro Cattivirus ci coinvolge tutti insieme. Sì, noi siamo uno per tutti e tutti per uno! Siamo presenti in tutto il corpo umano, nel sangue e in tutti gli altri liquidi, dalla saliva alle lacrime. Per questo possiamo aggredire Cattivirus ovunque lui si nasconda.

Ma avete notato come siamo fatti e come gli scienziati ci vedono al microscopio? Abbiamo la forma di una Y, ossia di una Ypsilon. Abbiamo due potenti braccia che si levano in alto, mantenendosi a distanza, e ci appoggiamo solidamente su una gamba. La Y è la lettera n.24 dell’alfabeto della lingua italiana, la n.20 di quello della lingua greca e la n.25 per l’alfabeto della lingua inglese.

Le antiche scienze hanno attribuito grandi significati alla lettera Ypsilon. Sapete che cosa significa? Vuol dire arma, difesa, tutto ciò che va difeso. In alcune culture, la Y è anche un simbolo di rinascita, di vita nuova. Vedete quanto sono importanti le parole e perfino le lettere dell’alfabeto? Non è bello pensare a tutto questo mentre noi Anticorpi a forma di Y stiamo lottando per mettere ko il Cattivirus?

Sia ben chiaro: noi Anticorpi non siamo maghi e nemmeno usiamo magie o pozioni magiche. E questa non è una favola. È la pura realtà. Lo ripetiamo: siamo i preziosi alleati di ogni essere umano. Soprattutto adesso. E vogliamo distruggere quel terribile virus che sta sconvolgendo la vita alle persone. Zayn! Zayn! Zayn!

Il nostro attacco a Cattivirus continua senza sosta. A volte va avanti per alcuni giorni. Noi non molliamo. Mai. La nostra è una caccia. Ci muoviamo velocemente. Prendiamo Cattivirus di sorpresa, perché lui pensa di essere inattaccabile, ma in realtà è molto fragile.  Le nostre braccia lo agguantano, lo immobilizzano, lo stringono e le nostre proteine e molecole lo stordiscono, lo soffocano. Infine, la nostra gamba, simile ad un pericoloso arpione, gli dà il colpo finale. Zayn! Zayn! Zayn!  Così sta accadendo una, cento, mille, milioni di volte!

Ed ora, eccoli lì i Cattivirus, inermi e sconfitti, pronti ad essere  buttati fuori dal corpo umano. La battaglia è stata dura. Ma ce l’abbiamo fatta, anche con le persone più deboli: grazie all’aiuto dei farmaci e alle cure dei medici. Ora Cattivirus è sotto osservazione dagli scienziati, che arriveranno presto a produrre medicine specifiche e, soprattutto, un vaccino. Siamo sicuri che ciò arriverà e darà un grande aiuto anche a noi Anticorpi.

Ma ogni persona ha sempre e comunque un compito importante: proteggersi e difendersi, in tutti i modi. E in anticipo. Non dobbiamo permettere a Cattivirus di entrare in contatto con noi e con gli altri. Occorre fare il vuoto intorno a lui. Creare distanza. Isolarlo. Non toccarlo. Lasciarlo disintegrare. Eliminarlo, lavando spesso le mani e disinfettando oggetti e superfici. Lo dobbiamo fare tutti insieme, come in un grande gioco di squadra, dove tutti devono giocare la propria parte, per poter vincere insieme. Win! Win! Win!

*

SÌ, È POSSIBILE METTERE CATTIVIRUS KO. LA CONOSCENZA DEL CORPO UMANO, LA SCIENZA, LE CURE MEDICHE E L’IMPEGNO DI TUTTI SONO FONDAMENTALI PER VINCERE LA BATTAGLIA CONTRO I VIRUS E LE LORO MICIDIALI CONSEGUENZE. IN TUTTO QUESTO, CI SONO TANTE PERSONE CHE LAVORANO IN PRIMA LINEA: MEDICI, INFERMIERI, VOLONTARI, OSPEDALI, ASSOCIAZIONI UMANITARIE… PERCHÈ NON MANDIAMO A LORO UN PENSIERO, UN MESSAGGIO, UN “GRAZIE” ATTRAVERSO UN DISEGNO O SEMPLICI PAROLE? È UN MODO PER DIRE CHE  SIAMO LORO VICINI E CHE NON SONO SOLI. WIN! WIN! WIN!

7 – Fine –  © Funtasy Editrice

La copertina di AlbumOne: raccoglierà tutta la storia completa

Per info: funtasyeditrice@gmail.com

I siti web di Funtasy editrice, Okay! e Social o dis-social? – e anche la  pagina “Noi siamo Okay!” su Facebook – stanno proponendo una iniziativa dedicata alla scuola, ai docenti e ai ragazzi, a casa da scuola. In sette puntate è presentata una storia incentrata sul problema di questi giorni: l’emergenza coronavirus.

L’iniziativa è promossa nell’ambito della collana editoriale di “AlbumOne / Storie giallorossoblu”, l’innovativo progetto di Funtasy editrice che già tante scuole italiane hanno apprezzato e adottato. La storia – scritta da Roberto Alborghetti, con i disegni di Eleonora Moretti – ha come titolo: “Il giorno in cui Cattivirus finì ko”.

Il materiale è messo a disposizione in anteprima dei docenti e degli stessi ragazzi. Potrà essere facilmente condiviso anche attraverso i social, in modo che gli alunni possano essere raggiunti anche grazie alla collaborazione dei genitori. Ogni storia, come è nello stile di AlbumOne, propone attività didattiche concrete, che possono coinvolgere gli alunni in modo attivo ed inter-attivo. La storia avrà poi una edizione cartacea, che sarà disponibile su fascicolo. Una storia per battere il virus! Una storia per imparare ad essere cittadini responsabili! Insieme! #stopcattivirus

  • L’invito è per tutti: seguite la storia di Cattivirus. Se realizzerete disegni e lavori, li pubblicheremo on line, in modo che siano visibili a tutti. Soprattutto a Cattivirus, lo dobbiamo configgere! 
  • I disegni vanno inviati in formato jpg, o come semplice fotografia, a funtasyeditrice@gmail.com
  • Possono anche essere caricati direttamente sulla pagina Facebook di Noi Siamo Okay! Dite agli insegnanti e ai genitori di cercarla su Facebook.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...